Hallelujah Junction

Autobiografia di un compositore americano

Hallelujah Junction
  • AutoreJohn Adams
  • Collana Contrappunti | Musica
  • ISBN 978-88-6040-532-6
  • Pagine 332
  • Data uscita 18-11-2010
  • Prezzo 18.00€
  • Disponibilità Disponibile

Un libro molto diverso da qualsiasi altra cosa scritta finora da un compositore. In parte autobiografia, in parte descrizione del processo creativo, in parte ritratto della carriera di un artista di talento nell'America degli ultimi sessant'anni, Hallelujah Junction è un viaggio nel paesaggio musicale della vita e dei tempi di John Adams, uno dei più ammirati ed eseguiti compositori dei nostri giorni.
Adams ripercorre la sua discendenza musicale risalendo all'era delle swing bands e delle grandi sale da ballo; in una di queste sale, costruita da suo nonno in una piccola cittadina turistica del New Hampshire, il padre clarinettista incontra la madre, cantante jazz, e decidono, fuggendo insieme, di affrontare una battaglia per la sopravvivenza nell'America profonda della Grande Depressione. Evoca nel dettaglio la sua infanzia musicale, la sua adolescenza nel New England, il mondo di Thoreau e di Charles Ives, con le sue bande da parata e le sue piccole orchestre, l'incontro con la grande musica sinfonica attraverso i dischi, gli studi, la deci-sione repentina di salire con la moglie su una vecchia Volkswagen Maggiolino per attraversare l'intera America: destinazione San Francisco, città simbolo della West Coast, emblema della vita indipendente e creativamente selvaggia per gli artisti dagli anni Sessanta. E ancora, l'incontro con la musica dei Beatles, la beat generation, la passione per la musica elettronica, l'enorme fascinazione per la musica di Cage, le delusioni delle avanguardie, il minimalismo e il suo superamento, e le molte altre esperienze che gradualmente portano Adams a diventare una delle più importanti e carismatiche figure della cultura musicale americana: il com-positore di opere come Nixon in China, The Death of Klinghoffer e Doctor Atomic, il maestro indiscusso delle forme per grande orchestra.
Scritto con eleganza e linearità, attraversato da grandi scorci sul paesaggio americano, Hallelujah Junction non è solo un'autobiografia profonda e sincera, ma anche una riflessione di insolita lucidità intellettuale e franchezza su molti dei temi emblematici e delle personalità che caratterizzano la vita culturale e artistica degli ultimi decenni, dalla fine della Guerra Fredda alle ansie del post-11 settembre, da Duke Ellington ai Beatles, Frank Zappa, Pierre Boulez, Leonard Bernstein, John Cage, Steve Reich, Allen Ginsberg, Peter Sellars e molti altri.

Articoli correlati:

  • Recensioni. Hallelujah Junction

    Classic Voice – novembre 2010       New York Times – ottobre 2008       New York Times Sunday Book Review – ottobre 2008       Telegraph – ottobre 2008       The Independent – ottobre 2008

  • Hallelujah Junction. Autobiografia di un compositore americano

    “John Adams è la voce dell’America” Los Angeles Times John Adams, uno dei più interessanti compositori della musica contemporanea americana e vincitore del Pulitzer Prize in Music nel 2003, alla soglia dei sessant’anni scrive con Hallelujah Junction la propria autobiografia. Come sempre accade con gli esempi migliori di questo genere letterario, il libro non è [...]