Musica degenerata

Il jazz sotto il Nazismo

Musica degenerata
  • AutoreMike Zwerin
  • Collana Confini | Musica
  • ISBN 978-88-7063-186-9
  • Pagine 216
  • Data uscita 28-05-1993
  • Prezzo 14.00€ 11.90€
  • Disponibilità Disponibile

Nell'Europa occupata dai nazisti il jazz veniva scoltato dovunque: lo swing era la musica popolare più diffusa. Il Terzo Reich aveva bandito il jazz come "musica degenerata", eppure gli ufficiali tedeschi facevano trasmettere musica swing alle radio dei Paesi occupati e un gruppo come i Ghetto Swingers suonava per i carcerieri nei campi di concentramento di Auschwitz e Theresienstadt. Anche nella Varsavia germanizzata faceva del jazz uno strano musicista di colore, George Scott, e Django Reinhardt, zingaro, furoreggiava in Francia mentre la sua gente veniva colpita dalle leggi raziali e internata nei lager. Mike Zwerin ha consultato documenti (tra gli altri, quelli del processo di Norimberga) ha viaggiato due anni in Europa, contattando appassionati di jazz e jazzisti attivi nel periodo nazista; ha fatto ricerche anche nel Sudafrica dell'apartheid e in Europa orientale, dove il jazz nel dopoguerra era spesso guardato con sospetto dalle autorità comuniste. Chiude il volume una postfazione di Riccardo Schwamenthal sul jazz in Italia nel periodo fascista.