Quel paesaggio lontano

Pagine di viaggio e di libertà

Quel paesaggio lontano
  • AutoreStefan Zweig
  • Collana La Piccola Biblioteca di Ulisse | Varia
  • ISBN 978-88-5922-601-7
  • Pagine 280
  • Data uscita 29-09-2016
  • Prezzo 14.90€ 12.67€
  • Disponibilità Disponibile

Il bisogno di viaggiare, la ricerca di quello straniamento, di quel momentaneo uscire da sé che il soggiorno in una camera d’albergo sconosciuta o la visione di un paesaggio inaspettato possono causare, fu una delle vere costanti della vita di Stefan Zweig. Già a partire dal 1902, prima della laurea in filosofia e della pubblicazione dei primi racconti, un ventunenne Zweig invia le sue cronache di viaggio a un giornale illustrato di Stoccarda: negli anni a venire continuerà a descrivere e documentare per quotidiani, riviste o piccoli libretti i suoi viaggi in paesi anche remoti come gli Stati Uniti, l’India o la Russia.

Rampollo di una famiglia viennese agiata e cosmopolita, scrittore di grande eleganza e torrenziale facilità, pacifista convinto e incrollabilmente fiducioso nell’appartenenza alla grande patria europea, Zweig continuerà infatti a viaggiare senza sosta fino ai suoi ultimi giorni, dapprima per diletto e formazione, via via per esigenza artistica e nevrotica, infine sospinto dai venti della storia. Diventa nel frattempo uno scrittore di inaudito successo per l’epoca, maestro riconosciuto della forma breve, della novella, della biografia letteraria e della cronaca di mondo.

Le sue pagine di viaggio si rivelano così il luogo migliore per osservare il lento maturare di una scrittura che da fiammeggiante e salottiera si fa gradualmente più asciutta, venandosi di inquietudine e, col tempo, di un’angoscia e di una amara nostalgia per la catastrofe a cui il suo “mondo di ieri” era andato furiosamente incontro.

Articoli correlati:

  • Zweig e l’ansia dell’ignoto

    In questo estratto dalla Prefazione di Gabriella Rovagnati emerge il particolare e personalissimo approccio esistenziale e letterario che per lunghi anni portò Stefan Zweig a tenere sempre acceso il desiderio di scoprire il mondo e raccontarlo. Nella convinzione, per citare le sue parole, che “Il viaggio deve essere sperpero, rinuncia all’ordine per il caso, al quotidiano [...]

  • Un raffinato zoom su Arles

    Come in un meraviglioso e attentissimo zoom fotografico, in questo capitolo dedicato ad Arles lo sguardo di Stefan Zweig ci porta alla scoperta di Arles. Un luogo quasi insignificante al primo approccio, ma che sotto la lente di ingrandimento dell’autore diventa una Wunderkammer, una camera della meraviglie abitate da poeti come Mistral o Dante, grandi re come [...]

  • Quel paesaggio lontano

    Dalla penna di un grande scrittore e viaggiatore, suggestive pagine di viaggio per buona parte inedite in italiano. Autore di enorme successo per tutti gli anni Venti e Trenta, romanziere celebrato in tutto il mondo, poeta, critico, giornalista, librettista, intellettuale cosmopolita e raffinatissimo, Stefan Zweig non smise mai di viaggiare, lungo l’intero corso della sua [...]