Una zuppa ci salverà?

Una zuppa ci salverà? Ovvero del perché abbiamo fatto “Soup for Syria”

 

Il ricettario di zuppe che raccoglie fondi a favore dei rifugiati siriani dal 5 maggio è in libreria anche in italiano. Ma che pretesa, quella che un libro possa fare la differenza.

Noi, a dir la verità, ci speriamo sempre nel “libro che spacca” (che sia la cartina di tornasole nella gastronomia nazionale! La miglior guida del mondo! Un cambio di passo nella cucina di un intero paese!) ma non ci riesce proprio tutte le volte, e ci piace essere indulgenti con noi stessi.

Perché scrivere di cibo, per mestiere, nel 2016, vuol dire dedicarsi nel 90% del proprio tempo all’edonismo. A meno che sulla strada non si incontrino persone come Barbara Abdeni Massaad.

Barbara Abdeni Massaad, a sinistra, con una piccola nel campo profughi della Valle della Bekaa

Barbara Abdeni Massaad, a sinistra, con una piccola nel campo profughi della Valle della Bekaa

 

[Continua la lettura su Facebook]