Il Paradiso ritrovato

Sulle tracce del Giardino dell'Eden

Il Paradiso ritrovato

Quando i cieli erano come chiara d’uovo e la terra il tuorlo, Dio creò Adamo, o – come lo chiamano i cinesi – Tien Hwang. Dopotutto la Mesopotamia era brutta e spoglia, pensava Tse Tan Tai, in una notte di lampi e fulmini del 1914, a Hong Kong: l’Eden non poteva essere che in Cina, e precisamente in un’oasi a forma di mezzaluna nel deserto mongolo, meglio conosciuto come Turkestan cinese.

“In principio, ci fu tutta quella faccenda babilonese – l’albero, il giardino, il serpente – ma non accadde nel modo in cui la raccontarono i babilonesi; c’è voluto un geniale scriba ebreo per sistemare ogni cosa”.

Articoli correlati:

  • Recensioni. Il Paradiso ritrovato

            La lettura Corsera, 3 giugno 2012           Avvenire, 3 giugno 2012   Il Messaggero – 30 luglio 2012           Qui Touring, agosto 2012             Sette del Corriere della Sera, 21 settembre 2012

  • Il Paradiso ritrovato. Sulle tracce del Giardino dell’Eden

    La storia di una magnifica ossessione dell’uomo moderno: localizzare sulla Terra il Giardino dell’Eden. Sembra che l’uomo, cacciato dal Giardino dell’Eden per avere mangiato il frutto proibito, abbia cercato disperatamente di farvi ritorno, o per lo meno di capire dove questo luogo meraviglioso e incantato, simbolo dell’armonia universale, si trovasse. Sant’Agostino aveva una sua teoria, e così [...]

  • Lettura: L’ultimo gigante dell’Eden

    In principio, milioni di anni fa, il Signore Iddio creò un giardino nel nord, l’Eden. C’erano molto sole, sequoie ed elettricità, e tutte le condizioni biologiche erano assai favorevoli. William Fairfield Warren, a dir la verità, non sembrava destinato a scoprire la collocazione geografica del Giardino dell’Eden. Non era un esploratore. Ritto in piedi, quando [...]