Karl Marx dal barbiere

La vita e l'ultimo viaggio di un rivoluzionario tedesco

Karl Marx dal barbiere

Il 18 febbraio 1882 Karl Marx si imbarca sul piroscafo Said e lascia l’Europa per la prima volta nella sua vita. Ad attenderlo sulla banchina del porto di Algeri c’è Albert Fermé, un ex militante degli anni della Comune di Parigi. Il dolore per la recente morte di sua moglie Jenny è ancora lancinante, e il clima mediterraneo, raccomandatogli dai medici, non ha avuto l’effetto sperato sulla sua pleurite. Seguendo un inedito impulso, Marx si lascia fotografare un’ultima volta, prima di sedersi sulla poltrona di un barbiere e rinunciare alla sua iconica barba e alla capigliatura leonina. Un gesto simbolico, probabile segno di una profonda riflessione in corso…
È così che, prendendo spunto da un episodio poco conosciuto della vita di Marx e completandolo con una profonda conoscenza dell’epistolario, degli scritti e dei documenti sulla vita del grande pensatore, Uwe Wittstock costruisce una narrazione sorprendente ed elegante, un modo inedito di accostare la vita e l’opera di un uomo il cui pensiero non smette di sorprendere per la sua forza e la sua lucidità, a duecento anni dalla nascita.

Articoli correlati:

  • L’incipit

    Quando il fragore delle macchine diminuì, tirò il fiato. Ma la tenebra rimase impenetrabile. In cabina faceva freddo, del caldo dell’Africa non c’era traccia. Come già la notte precedente, aveva dormito pochissimo. Il rumore della sala macchine era infernale, e in più il vento, il beccheggio e quella tosse, sempre più insistente. Un sonno che [...]

  • Il giorno in cui Marx si tagliò la barba

    La scaletta della nave era ripida e bagnata. Afferrò la fune attaccata alla parete come un corrimano. Dalla barca sotto lo osservava il marinaio. Davanti a lui scese ballonzolante l’uomo con i suoi bagagli, li accatastò rapido nella barca ondeggiante, poi gli afferrò la mano e gli offrì sostegno quando arrivò il momento del passo [...]