London Calling

La controcultura a Londra dal '45 a oggi

London Calling
  • AutoreBarry Miles
  • Collana La Biblioteca di Ulisse | Varia
  • ISBN 978-88-6040-794-8
  • Pagine 544
  • Data uscita 29-03-2012
  • Prezzo 23.00€ 19.55€
  • Disponibilità Disponibile

“Eravamo anti-sistema in tutto e per tutto, nella musica e nell’arte. Volevamo distruggere qualsiasi cosa avesse regole prestabilite, tutto quel che c’era di asfissiante, tutte le certezze. Eravamo decisi a infrangere tutte le regole in tutti i modi possibili”. La Londra di Barry Miles è quella della cultura underground che nasce fra le macerie della Seconda guerra mondiale ed esplode nel corso degli anni Sessanta e Settanta, concentrandosi sul West End e su Soho, le zone in cui era confluita un’eterogenea popolazione di personaggi creativi e fuori dalle righe, intolleranti nei confronti delle costrizioni della cultura e del costume ufficiale: scrittori, poeti, registi, musicisti, artisti, pubblicitari, architetti, stilisti, e una miriade di più anonimi personaggi decisi a fare della propria vita un’arte. È la storia di una rivoluzione culturale determinata a ottenere una “totale confusione dei sensi”, che si sviluppa fra le vie di una metropoli artisticamente onnivora, fatta di locali, librerie, club, pub, teatri, piazze, vicoli, scantinati, case occupate o case borghesi. Una storia di sconvolgente energia vitale e al tempo stesso autodistruttiva, raccontata sul filo di quell’ironia che solo un testimone diretto può comunicare.
Mettere in fila i nomi che si incontrano fra queste pagine fa tremare l’idea stessa di ‘controcultura’, poiché vi si ritrova molta della creatività che animerà per ibridazione la cultura ufficiale del Novecento:
Dylan Thomas, Francis Bacon, i Situazionisti, il cool jazz, il rock ’n’ roll, Mary Quant, Kingsley Amis, J.G. Ballard, i Rolling Stones, i Beatles, William Burroughs, Jimi Hendrix, i Pink Floyd, Allen Ginsberg, Pete Townshend, Yoko Ono, Derek Jarman, David Hockney, i Clash, i Police, Gilbert & George, Vivienne Westwood, i Sex Pistols, Boy George, Charles Saatchi, Lucian Freud, Damien Hirst e moltissimi altri. Un libro-mondo brulicante di storie e di personaggi, il ritratto più preciso e divertente mai scritto sull’avventura gloriosa e infame di un’epoca oggi entrata nella leggenda.

Articoli correlati:

  • Recensioni. London Calling

    Alias, 22 aprile 2012           Sette Corriere della Sera, 8 giugno 2012             The Lifestyle Journal, luglio 2012           La Stampa TTL, 14 aprile 2012            Il Venerdì di Repubblica, 30 marzo 2012

  • Recensioni. London Calling

    Sunday Times – marzo 2010       The Independent – 7 marzo 2010       The Guardian – 10 aprile 2010       Rolling Stone – aprile 2012       Rumore – Aprile 2012    

  • L’irruzione del PUNK

    Metà dei Settanta, la Swinging London è ormai un ricordo e sulla scena fa irruzione il Punk. Sconcerto, irritazione, fastidio di alcune case discografiche, ma soprattutto una grande spinta all’emulazione da parte dei ragazzini. Attraverso le testimonianze dei protagonisti, Barry Miles restituisce il sapore di quegli anni folgoranti. Ecco un estratto del capitolo dedicato al [...]

  • London Calling. La controcultura a Londra dal ’45 a oggi

    Quale magica alchimia ha fatto di Londra una delle città più influenti della scena musicale, artistica e culturale dal 1945 a oggi? E, ancora, quale energia creativa ha reso possibile la trasformazione della capitale di un impero in cilindro e bombetta a polo magnetico della controcultura? Ma soprattutto: perché molte delle cose che oggi ci [...]

  • Video

    Il periodo ruggente di Fitzrovia, il quartiere della bohème degli anni Quaranta e Cinquanta, popolato di personaggi sgangherati e geniali, il mitico decennio della Swingin’ London, con la rivoluzione nella moda di Mary Quant, e poi la parentesi dura ed estrema dei Settanta, con l’irruzione del Punk e la ripresa, da parte dei Clash, dello [...]