Una pianta fuori di clima

Il quartetto per archi in Italia da Verdi a Casella

Una pianta fuori di clima
  • AutoreEnnio Speranza
  • Collana EDT/CIDIM | Musica
  • ISBN 978-88-5920-358-2
  • Pagine 320
  • Data uscita 12-09-2013
  • Prezzo 22.00€ 18.70€
  • Disponibilità Disponibile

Il saggio, articolato in tre parti, offre una panoramica storico-critica sul repertorio per quartetto d’archi in Italia dal 1870 al 1924 – ossia dal Quartetto di Giuseppe Verdi al Concerto di Alfredo Casella – mettendone in mostra i caratteri, le forme, gli stili e i modelli attraverso serrate analisi e uno spoglio attento del materiale pubblicistico coevo: ne emerge un percorso tutt’altro che marginale, spesso originale e non privo di una specifica vitalità. L’autore prende le mosse dalle vicende del Quartetto di Verdi per poi analizzare i caratteri formali e scritturali dei due più interessanti quartettisti italiani del secondo Ottocento, Antonio Bazzini e Giovanni Sgambati; e ancora, le varie tendenze del periodo a cavallo tra i due secoli, descritte a partire dal commento di alcuni quartetti paradigmatici. Un intero paragrafo è dedicato alla produzione di Antonio Scontrino, esemplare tentativo di progressiva liberazione dall’influenza del post-romanticismo tedesco da parte di un compositore che proprio in Germania si era formato. Dopo il 1910 si fa più marcata e pervasiva la riesumazione del passato musicale italiano, che si caricherà ben presto di elementi mitici: dalla prima produzione di Gian Francesco Malipiero, al corpus quartettistico di Ottorino Respighi, al Concerto di Casella, che chiude il cerchio mostrando aperti strappi, ma anche insospettate continuità formali nei confronti della tradizione classico-romantica.

Articoli correlati:

  • Lettura: le linee guida del libro

    Nella Premessa, Ennio Speranza enuncia e illustra i fili conduttori lungo i quali si svolge l’indagine di Una pianta fuori di clima. Questo libro prende le mosse proprio dal lavoro di Verdi per abbracciare cinquant’anni di produzione per quartetto d’archi in Italia: appunto da «pianta fuori di clima», ossia frutto considerato marginale o estraneo alla [...]

  • Video

    Racconta Ennio Speranza in Una pianta fuori di clima che non pochi, all’epoca, rimproverassero a Verdi di aver scritto un Quartetto più “drammatico” che “classico”. Valutate ascoltando il Quartetto per archi in mi minore nell’esecuzione del Melos Quartett.  

  • Una pianta fuori di clima. Il quartetto per archi in Italia da Verdi a Casella

    Le forme, gli stili e i modelli del repertorio per quartetto d’archi in Italia dal 1870 al 1924 in una panoramica storico-critica. Questo è il quadro dell’indagine condotta da Ennio Speranza nel volume Una pianta fuori di clima, pubblicato da EDT con il contributo del CIDIM - Comitato Nazionale Italiano Musica. Ne introduciamo la lettura con le [...]