6 novembre 2014

Allacarta: una collana per portare il mondo dentro di sé

650x300

 

Prendi un manipolo di scrittori talentuosi. Chiedi loro di trasformasi in viaggiatori. Chiedi loro di inventarsi gastronomi. Mandali in giro per il mondo.

Al loro ritorno, accoglili, falli accomodare al tuo tavolo. Chiedi di raccontarti le storie che hanno vissuto, i piatti che hanno mangiato, le persone che hanno incontrato.

Così è nata Allacarta, una collana piccola, curiosa e speziata. Che racconta il mondo attraverso le voci personalissime dei migliori narratori italiani. Chiedendo loro di usare, come sempre, occhi, orecchie, mani e sensibilità. Ma sopratutto, innanzitutto, la bocca.

Il cibo è il modo più immediato per conoscere un luogo, una cultura. Il cibo si mangia. Il cibo va dentro il corpo. E poi ci sono gli spazi del cibo, le persone del cibo, i riti del cibo.

Che sono uguali e diversissimi a migliaia di chilometri di distanza.

Un valoroso manipolo di curiosi e golosi rientrato a casa con pagine fitte di testo e macchie d’unto.

Geda Fabio Geda è partito da Torino per raggiungere il Grande Ossimoro: Tokyo. Qui il cibo ha a che fare con lo spirito, con un sapore sconosciuto – l’umami – ed è innovazione continua, che però in filigrana mostra 2000 anni di storia. Il suo libro è Itadakimasu – umilmente ricevo in dono.
Bajani Andrea Bajani ha scoperto che Berlino è un pianeta a sé, in cui si mangiano “cilindri di carne marrone”, si comprano case nel weekend e si diventa artisti in un pomeriggio. Il suo libro è È bellissimo il vostro pianeta.
Cognetti Paolo Cognetti ha lasciato il suo isolamento montano, è andato a New York ed è tornato qua, per raccontare il suo personalissimo, disintegrato Giorno del ringraziamento. Il suo libro è Tutte le mie preghiere guardano verso ovest.
Malvaldi Marco Malvaldi ha caricato moglie e figlio, è andato a Barcellona e s’è mangiato tutto, senza lasciare nulla agli altri, se non le storie che ci ha portato indietro. Per la collana Allacarta ha scritto La famiglia Tortilla.
Enia Davide Enia è andato vicino nello spazio – a Roma – ma lontano, lontano nel tempo, tra fragor di bombe e rappresaglie, per scoprire che la carbonara è stata prima di tutto, soprattutto uno straordinario comfort food. Il suo libro per la nostra collana è Uomini e pecore.

 

Poi altri partiranno. Mangeranno. Torneranno. E ci racconteranno il mondo che si sono portati con sé. Anzi: dentro di sé.


Fabio Geda

Andrea Bajani

Marco Malvaldi

Paolo Cognetti

Davide Enia
 Schermata 2014-04-28 a 11.37.39
Passeggiare lasciandosi rapire da un particolare profumo, apprendere il senso dello shinto da un piatto di soba, degustare molluschi al mercato alle sette di mattina. Tutto questo è Tokyo secondo Geda. Se avete smarrito qualcosa, se cercate qualcuno che non vedete da anni, se la grinta o il buonumore o l’inquietudine vi hanno abbandonato… non temete, racconta Bajani: è tutto qui a Berlino. Per la famiglia Malvaldi, Barcellona è una vecchia amica, di cui si amano allo stesso modo gli antichi fasti e gli exploit dell’ultim’ora. Le note dolci e quelle salate. Quella tra New York e il cibo è la storia di un’ossessione: nella città che non dorme mai, si può mangiare sempre. Paolo Cognetti inizia così il proprio vagabondare tra le strade della Grande Mela. Una dichiarazione d’amore a tre grandi piatti della cucina romana: la carbonara, i carciofi alla giudia e la coda alla vaccinara. Un piccolo spaccato della bellezza di Roma.
 
Schermata 2014-04-28 a 11.37.39
Prezzo: 7,90 euro | Pagine: 144 Prezzo: 7,90 euro | Pagine: 120 Prezzo: 7,90 euro | Pagine: 120 Prezzo: 7,90 euro | Pagine: 120 Prezzo: 7,90 euro | Pagine: 108
ISBN: 978-88-5920-452-7 ISBN: 978-88-5920-449-7 ISBN: 978-88-5920-448-0 ISBN: 978-88-5920-450-3 ISBN: 978-88-5920-451-0