Prima la musica, dopo le parole

Copertina di Prima la musica, dopo le parole
Musica

Prima la musica, dopo le parole

Che cosa succede se il più grande dei critici letterari tedeschi e il suo omologo nel mondo musicale si siedono allo stesso tavolo per discutere di musica, letteratura e opera lirica? È quanto accadde in un leggendario dibattito tenutosi nel 1995 a Garmisch-Partenkirchen, la piccola località della Baviera legata alla figura del compositore Richard Strauss. A fronteggiarsi erano Marcel Reich-Ranicki – figura straordinaria delle lettere tedesche, ebreo di origine polacca sopravvissuto all’Olocausto, tra i fondatori del “Gruppo 47”, uomo di incredibile intelligenza e vivacità intellettuale – e Joachim Kaiser, il più temuto fra i critici musicali tedeschi, uomo di enciclopedica erudizione e animatore del dibattito culturale tedesco per oltre mezzo secolo. Il tema era quello del rapporto fra parole e musica nei libretti d’opera, e il moderatore, ma sarebbe meglio dire “fomentatore” dell’incontro, era August Everding, regista e dirigente di teatri, figura centrale del mondo dell’opera in Germania. Due ore di fuochi d’artificio verbali, trascritti ora in un libro che è un vero regalo per l’intelligenza e la curiosità intellettuale di qualsiasi lettore. Ad accompagnare questo divertente e sanguigno duello, e a inquadrarlo nei grandi temi dell’opera, della memoria e dell’autobiografia, un ironico e delicato racconto di Stefano Jacini, tutto giocato intorno alle figure e alle armonie del Cavaliere della rosa, il capolavoro di Richard Strauss – vero nume tutelare del volume.

Traduttore:
Roberta Scarabelli
Collana
Risonanze
Pagine
208
Data di uscita
Disponibilità
Disponibile
Libro cartaceo
ISBN 9788859264880
13 € 12.35 €
Articolo acquistabile con 18App e Carta del docente