#ioriparto: Matteo Pericoli – Affacciarsi al futuro

Io riparto

#ioriparto: Matteo Pericoli – Affacciarsi al futuro

Matteo Pericoli per quindici anni ha disegnato le finestre di tutto il mondo, da New York al Sudafrica, dall'India al Brasile. Sembrava quasi un gioco, ma oggi questo gesto semplicissimo e quotidiano di vedere il mondo dalla propria stanza ha rivelato tutto il suo contenuto emotivo e il suo valore nascosto. Il desiderio ora è di tornare verso le cose consuete, ma portandosi dietro questa nuova coscienza del valore delle cose.

 

Matteo Pericoli

Matteo Pericoli è architetto, autore, disegnatore e insegnante. I suoi lavori sono stati pubblicati su numerosi giornali e riviste, tra cui The New York Times, The Observer, The New Yorker, The Paris Review Daily, La Stampa e Bell’Italia. Nel 2007 completa Skyline of the World, un murale di 120 metri per il terminal dell’American Airlines all’aeroporto internazionale JFK. Matteo è autore di numerosi libri, pubblicati negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Italia, in Corea del Sud, in Taiwan e in Cina, tra cui Manhattan Unfurled (Random House), London Unfurled (Picador UK) e, uscito di recente, Finestre su New York: 63 visioni della Grande Mela (Il Saggiatore). Con EDT ha pubblicato il volume Finestre sul mondo. 50 scrittori, 50 vedute (2015). Dopo molti anni a New York ha recentemente scelto di vivere a Torino, dove nel 2010 ha fondato il Laboratorio di Architettura Letteraria, un corso nel quale l’architettura viene utilizzata come strumento per analizzare ed esplorare la narrativa.

#ioriparto

È difficile sapere che cosa i giorni strani e durissimi della quarantena hanno depositato dentro di noi, ma prima o poi dovremo riprendere il controllo delle nostre vite, e non sarà facile. È così che in EDT abbiamo pensato di dedicare uno spazio all’idea di ripartenza. Abbiamo chiesto agli autori e agli amici della casa editrice uno spunto che possa essere di ispirazione in questo complicato frangente. Sono voci da tutto il mondo e ci proporranno un concetto, un ricordo, un libro, un brano musicale: il loro punto di ripartenza personale, una fonte a cui attingere l’energia di cui ora avremo bisogno, all'insegna del motto #ioriparto.